Sei Qui
Home > Smartphone e Tablet > Android > Come fare Root Samsung Galaxy Alpha

Come fare Root Samsung Galaxy Alpha

Il primo Galaxy Alpha rimane sempre un ottimo cellulare, uscito durante il 2015. Nelle sue varie versioni però, non è sempre facile trovare il modo di Rootarlo. Ecco il metodo definitivo:

Nota: fate sempre caso che quest’operazione invalida la vostra garanzia e disabilita il KNOX. Siccome il Galaxy Alpha (G850F) è venuto in due versioni (SnapDragon e Exynos) controllate prima il chipset che avete tramite CPU-Z. Quest’operazione è personalizzata per i Chipset Exynos, che per la maggior parte sono quelli distribuiti in Europa.

Procedura tramite KIES

Per prima cosa, installate Kies3. Questo vi permetterà di avere a disposizione i giusti Driver per far riconoscere il cellulare al PC e quindi comunicarci. Una volta installato e aver fatto riconoscere il cellulare, chiudete Kies e cercate il suo processo tramite Gestione Attività (che potete aprire con la combinazione CTRL+SHIFT+ESC, andando in Dettagli).

Procuratevi CF-AutoRoot da qui. Questo contiene sia il Software Odin necessario a modificare il cellulare che il file necessario per scrivere il Firmware.

Prima d’iniziare tutto questo, assicuratevi che la batteria del cellulare sia abbastanza carica (Basta che sia intorno all’80%) e che la funzione “Blocco Riattivazione” sia disabilitata. Potete cercarla nelle impostazioni, il quale ha un utile ricerca abbinata (basta premere sulla lente d’ingrandimento e cercare “Riattivazione”).

Avviate ODIN e controllate se le spunte su F.Reset Time e Auto Reboot siano attive. Premete poi su AP (o PDA) ed inserite il file di AutoRoot (che è nel formato MD5). Fatto ciò, spegnete il vostro cellulare ed avviatelo in modalità Download. Potete fare ciò premendo il tasto d’accensione insieme a Home e volume giù. Date la conferma che siete coscienti di ciò che state facendo e connettete il cellulare sull’USB.

Odin vi dirà d’aver rilevato il cellulare (potete vedere il messaggio nella sua sezione). Se Odin non rileva cellulari, provate a spegnere di nuovo lo Smartphone e riportatelo sempre in Download, stavolta con la connessione USB già inserita.

Cliccate su Start. Alla fine dell’operazione il vostro cellulare si riavvierà e sarà Rootato. Potete controllare se il Root è presente tramite Root Checker

Procedura tramite TUNESGO (Root 1 clic)

Scarica, installa ed avvia TunesGo e vedrai che il programma rileverà automaticamente il dispositivo Android collegato al PC tramite cavo USB.

1476539672-6764-connect-android-phone

Step 2. Clicca in alto su scheda Toolbox e poi sull’ icona One-click Root per avviare la procedura di rooting del tuo dispositivo

1476539665-1301-one-click-root-android

Step 3. Conferma di voler procedere cliccando sul tasto Root

1476539669-6319-android-root-warning

Fatto!

Lascia un commento

Top